• Ricette

    Biscotti alla farina d’avena al cioccolato

    Biscotti all’ avena con gocce di cioccolato fondente.

    La mia ricetta preferita per i biscotti alla farina d’avena, perfettamente morbidi e chewy, facile da preparare e piena di sapori: cannella, farina d’avena alle quali puoi aggiungere a tuo gusto uvetta, gocce di cioccolato o noci, a seconda di ciò che più desideri!
    I biscotti alla farina d’avena al cioccolato sono semplicissimi da realizzare e sono necessari davvero pochi ingredienti.
    Dolci e arricchiti con gocce di cioccolato,  i biscotti hanno una consistenza adatta sia ad essere sgranocchiati da soli che accompagnati a una bevanda .
    Questi biscotti si possono conservare a lungo, sia all’interno di una scatola di latta che in un contenitore a chiusura ermetica, mantenendo la loro originaria fragranza.

    Ingredienti per i biscotti alla farina d’avena al cioccolato:

    Innanzitutto, alcune note sugli ingredienti per preparare dei deliziosi biscotti di farina d’avena:

    Burro: ho usato di primissima qualità.
    Zucchero di canna : questa ricetta è addolcita con zucchero di canna.
    Uovo: per legare insieme tutti gli ingredienti.
    Estratto di vaniglia: assicuratevi di utilizzare l’estratto di vaniglia puro o i semi della bacca di vaniglia per un sapore migliore.
    Avena: questa ricetta richiede l’utilizzo di fiocchi d’avena, che,grazie alla sua consistenza, renderà i biscotti piacevolmente morbidi.
    Cannella: Adoro i biscotti di farina d’avena aromatizzati alla cannella, ma sentitevi liberi di aggiungere le spezie che più vi piacciono.
    Ingredienti aggiuntivi opzionali: Potete di aggiungere un po ‘di uvetta o mirtilli rossi secchi o altra frutta secca tritata, gocce di cioccolato, noci tritate, etc.

    Ingredienti per i biscotti alla farina d’avena al cioccolato:

    Fiocchi D’avena 160 g
    Farina 00 80 g
    Zucchero Di Canna 120 g
    Burro 100 g
    Uovo 1
    Bicarbonato 1/2 cucchiaino
    Cannella 1 cucchiaino
    Sale Fino 1 pizzico
    Gocce Di Cioccolato 200 g

    Come preparare i biscotti alla farina d’avena al cioccolato:

    Unite gli ingredienti secchi. Unite l’avena (che a vostro piacimento potete tritare grossolanamente), la farina, la cannella, il sale e il bicarbonato di sodio in una terrina media e mescolate.
    Mescolate gli ingredienti umidi. In una ciotola grande separata , con un robot da cucina o uno sbattitore elettrico ,lavorate il burro ammorbidito e lo zucchero di canna e mescolate a velocità medio-alta fino a quando il composto diventa è leggero e spumoso.
    Aggiungete l’uovo e l’estratto di vaniglia e sbattete a velocità media fino a quando non saranno tutti mescolati bene.
    Aggiungete gli ingredienti secchi Aggiungete la miscela di ingredienti secchi a quelli umidi finché no saranno completamente mescolati ed infine aggiungete le gocce di cioccolato.
    Raffreddate l’impasto. Trasferite l’impasto in un contenitore per alimenti e mettetelo n frigorifero per almeno 1-2 ore finché non si raffredda.
    Preparate i biscotti. Riscaldate il forno a 180 ° C e foderate una teglia con carta da forno , formate delle palline con l’impasto e disponetele lasciando dello spazio sulla teglia, visto che lieviteranno.
    Infornate. Cuocete per 10-12 minuti o fino a quando i biscotti saranno leggermente dorati sui bordi e al centro.

  • Viaggi

    Castel dell’ovo: la leggenda del poeta Virgilio.

    «Ci sono posti in cui vai una volta sola e ti basta…e poi c’è Napoli».

    Inizia così Passione, il musical/documentario del 2010 diretto da John Turturro, un vero tributo d’amore alla città partenopea.

    Da Napoletana faccio davvero fatica a non essere d’accordo, ogni volta che giro in questa città.

    Napoli è unica nel suo genere, emozionante, con una storia millenaria, sospesa tra bellezza e contraddizione; una città rumorosa che brulica di vita, da scoprire passeggiando, osservando e chiacchierando con la sua gente.

    Venite a spasso con me oggi? Ce ne andiamo in un posto con una storia antichissima e una curiosa leggenda, un luogo che ha una delle viste più belle di Napoli, uno dei posti che preferisco quando voglio vedere dall’alto la mia città: Il Castel dell’Ovo.

    Castel dell’Ovo, in uno scatto di Rossella Marino

    Castel dell’Ovo: La più antica fortificazione di Napoli.

    Il Castel dell’Ovo, è il castello più antico della città di Napoli, nasce sull’isolotto di Megaride dove, secondo la leggenda, vi approdò la sirena Parthenope che diede il primo nome all’antica città.

    Successivamente all’isolotto fu colonizzata anche la terraferma, rappresentata dal Monte Echia (noto oggi col nome di Borgo di Santa Lucia), dove nacque il primo centro abitato dell’antica Neapolis.

    Quando l’isolotto fu unito alla terraferma e il patrizio romano Lucullo fece costruire una bella ed elegante villa, il Castrum Lucullanum , dotata di una ricchissima biblioteca, allevamenti di murene e di alberi di frutta, novità assoluta per l’epoca, Lucullo rimase sul sito fino all’età tardo romana.

    Numerose sono state le vicende che hanno danneggiato l’originario aspetto normanno del castello, oggetto di vari restauri durante il periodo angioino e aragonese.

    La leggenda del Castel dell’Ovo di Napoli

    Napoli è una città piena di mistero e leggenda, ma anche piena di magia, superstizione e numeri. Come dice Matilde Serao:

    Tutte le superstizioni sparse nel mondo sono raccolte a Napoli e ingrandite, e moltiplicate, poiché a Napoli si sono alternate tante sciagure diversi attacchi del colera all’eruzione del Vesuvio nel 1872, la gente aveva bisogno di credere in qualcosa.

     In termini più generali, una superstizione indica un tipo irrazionale di convinzione che gli eventi futuri possono essere influenzati da  azioni o oggetti anche se non c’è relazione causale tra l’evento e questi oggetti o azioni.

    Il Castel dell’Ovo è famoso, oltre che per la sua storia, per una leggenda che riguarda il poeta Virgilio, il quale, nel Medioevo veniva considerato anche mago.

    Si crede infatti che Virgilio, a suo tempo inserì un uovo magico nelle fondamenta del castello.

    L’integrità dell’uovo era custodita in una caraffa di vetro, a sua volta racchiusa in una gabbia metallica, fino ad ora nessuno ha mai trovato l’uovo magico e il luogo dove sarebbe stato conservato è stato tenuto segreto per molto tempo perché da “quell’uovo dipendevano tutti i fatti e la fortuna di Castel Marino ” (come veniva chiamato il castello).

    La leggenda racconta infatti che, finché l’uovo non si fosse rotto, la città e il castello sarebbero stati protetti da ogni sorta di calamità. Tuttavia, se fosse successo qualcosa all’uovo, ci sarebbero stati guai per Napoli e napoletani.

    Il Castel dell’Ovo è stato per secoli una fortezza potente e indistruttibile per controllare la terra e il mare, anche per questo ha avuto un ruolo importante nella storia Napoletana.

    Tavola Strozzi è un olio su tavola, che
    rappresentaa una veduta di Napoli del XV secolo, conservato oggi nel Museo Nazionale di San Martino di Napoli. Nel disegno potete vedere com’era un tempo in Castel dell’ Ovo.

    La Tavola Strozzi, dipinta alla fine del Quattrocento e oggi conservata al Museo di San Martino, è uno dei pochi scorci dell’originario castello. Aveva torri e un enorme arco all’ingresso. Nel XVII secolo ci furono molti cambiamenti e nel 1733 fu bombardata dai soldati del re Carlo di Borbone, poi occupata dai ribelli della Rivoluzione.

    Dove si trova il Castel dell’Ovo

    ll Castello si trova a via Partenope, il lungomare della città. Questa posizione privilegiata lo rende ancora più suggestivo, non solo per la sua storia ma anche per la bellezza che lo circonda.

    Castel dell’Ovo ha diversi spazi utilizzati per mostre temporanee ed eventi, ed è sempre aperto al pubblico.

    Vista su via Partenope dalla terrazza del Castel dell’ ovo.

    Dalla terrazza si può ammirare un panorama mozzafiato della città, ecco perché è una location molto ambita per le foto.

    Vista sul Golfo da uno degli archi del Castel dell’Ovo, in uno scatto di Rossella Marino

    Nei secoli passati, così come oggi, la zona circostante è popolata da pescatori, c’è anche un piccolo porticciolo molto pittoresco, il Borgo Marinari.

    il Borgo Marinari visto da Rossella Marino

    Proprio vicino all’ingresso del Castel dell’Ovo , il Borgo Marinari, vi stupirà, se vi capita di camminarci di giorno , questo posto vi darà l’impressione di essere lontani dalla freneticità della città di Napoli, con il mare che fa da cornice alle sue viuzze. Le stesse vie che di sera invece brulicano di gente che frequenta bar e ristoranti, o che passeggia da quelle parti alla ricerca di un angolo romantico.  

    Quando vistare il Castel dell’Ovo?

    Il Castello è bello in ogni stagione, ma se dovessi dirvi la mia, che sono un’ inguaribile romantica,  sicuramente vi direi che in primavera dà il meglio di sé, magari al tramonto! Vi assicuro che a quell’ora, in una giornata limpida, la vista sul golfo è veramente da mozzare il fiato.

    Come arrivare al Castel dell’Ovo

    In auto

    dall’autostrada, tangenziale, uscita Centro – Porto, percorrere Via Marina fino a Piazza Municipio

    In aereo

    dall’aeroporto Alibus fino a piazza Municipio

    In treno

    dalla stazione di Piazza Garibaldi, metropolitana Linea 1 da Garibaldi, direzione Piscinola fermata Toledo.

    Metropolitana Linea 1 fermata Toledo, e poi a piedi fino al castello.

    In autobus

    Da piazza Garibaldi R2 fino a piazza Municipio; da piazza Vittoria tram 1 fino a piazza Municipio

    Indirizzo: Via Eldorado 3 –80132 Napoli

    Castel dell’Ovo Napoli orari

    Orari di apertura periodo estivo:

    Nei giorni feriali dalle ore 9.00 alle ore 19.30 – ultimo accesso ore 19.00

    nei giorni festivi e la domenica dalle ore 9.00 alle ore 14.00 – ultimo accesso ore 13,30.

    Orari di apertura periodo invernale:

    nei giorni feriali dalle ore 9.00 alle ore 18.30 – ultimo accesso ore 18.00

    nei giorni festivi e la domenica dalle ore 9.00 alle ore 14.00 – ultimo accesso ore 13,30

    Prezzi:  ingresso gratuito.

    Ad oggi quale castello vi ha colpito maggiormente per la sua bellezza?

    Tengo molto a ringraziare Rossella, che trovate su instgram col nome come__ungirasole, senza alcune delle sue foto questo articolo non sarebbe stato altrettanto bello, grazie Ross! ❤️

  • Viaggi

    Palazzo dello Spagnolo

    Considerato il cuore della città,  il centro di Napoli, altrimenti noto come  “Centro Storico”, è una vivace combinazione di autenticità, cultura italiana, cibo, arte e storia. Dichiarato patrimonio mondiale dell’UNESCO nel 1995, il centro storico si sviluppa sulle stesse basi urbane dell’architettura greca. 

    Qui puoi ammirare tutta la bellezza della zona, i vivaci mercati di strada, i riferimenti storici e religiosi ad ogni angolo di strada, i colori vibranti ,gli aromi che illuminano i tuoi sensi e i famosi palazzi di Napoli.

    È proprio nel mezzo del centro storico che si trova il palazzo che scopriremo insieme oggi: Il Palazzo dello Spagnolo.

    Come raggiungere il Palazzo dello Spagnolo Napoli

    Palazzo dello Spagnolo si trova a via Vergini, al numero civico 19, nel rione Sanità, in zona centro storico.
    Ci si arriva con la Metro linea 1, Museo o Metro Linea 2, Cavour.
    Ingresso libero, sempre aperto.

    La Storia del Palazzo dello Spagnolo di Napoli

    Il Palazzo dello Spagnolo è uno dei più spettacolari edifici napoletani.  Il proprietario Tommaso Atienza, come la maggior parte degli abitanti dei quartieri Vergini e Sanità, aveva sempre avuto un soprannome. Era conosciuto infatti come “Lo Spagnolo”, tanto che l’immobile da lui acquistato nel secondo decennio del XIX secolo fu subito battezzato “Palazzo dello Spagnolo”, anche se originariamente era noto come Palazzo Moscati.

    Palazzo-dello-spagnolo

    L’edificio, considerato tra le opere architettoniche più belle in città: fu costruito per volere di Nicola Moscati, marchese di Poppano, a partire dal 1738.
    Non si hanno notizie certe sul vero autore del progetto , tutti lo attribuiscono a Ferdinando Sanfelice che ampliò e ammodernò due proprietà, parte della dote della moglie del marchese di Poppano, Anna Maria d’Orso.
    Una volta dentro ci si trova davanti ad un capolavoro di simmetrie che che rapiscono subito l’occhio, si nota una monumentale scala a doppia rampa detta ad ali di falco, rintracciabile in tutti i numerosi palazzi napoletani ufficialmente attribuiti al geniale architetto, grande innovatore, noto in particolar modo per la propria audacia nei progetti, alle volte molto stravaganti. Un segno caratteristico delle sue opere erano appunto le scale, così stravaganti che il popolo temeva potessero crollare. Infatti l’architetto era conosciuto come “Sanfelì, lievet’ ‘a sotto”🤭

    Il complesso fu completato da una ricca decorazione a stucchi, in stile rococò, realizzata da Aniello Prezioso su progetto di Francesco Attanasio.

    Quando il palazzo passò dalla famiglia Moscati a Tommaso Atienza il nuovo proprietario, innamorato del proprio palazzo, volle decorarlo con graziosi affreschi che ricoprivano le pareti, le volte delle stanze, il salone, e arricchì con preziosi arredi la Cappella e la Galleria.

    Purtroppo non c’è traccia degli affreschi, questi infatti sono stati ricoperti da imbiancature recenti. Per abbellire e ammodernare lo splendido palazzo, Tommaso “lo Spagnolo” fu costretto a sprofondare così tanto nei debiti da perdere la proprietà. Fu espropriato del palazzo, che ad oggi è stato frammentato in numerose proprietà private.

    Avete visto il Palazzo dello Spagnolo? Condividete la vostra esperienza nei commenti! Se invece vi piacerebbe vederlo, vi aspetto a Napoli!

  • Viaggi

    Guida ai Warner Bros Studio Tour di Harry Potter di Londra

    Sono diventata una fan sfegatata di Harry Potter. Ho letto  tutti i libri e guardato i film  solo dopo aver visitato i WB Studio.

    La gioia di Daphne, appena arrivati ai Warner Bros Studio di Harry Potter

    Qualche anno fa, cinque, per la precisione, ho avuto la possibilità di visitare il Warner Bros. Studio Tour London: The Making of Harry Potter

    Sono riuscita a camuffare per mesi il regalo di compleanno per nostra figlia Daphne, convinta Potterhead!
    E durante un nostro viaggio a Londra ci siamo ritagliati un’ intera giornata alla scoperta dei segreti del mondo di Harry Potter.

    Gli studio erano originariamente una fabbrica di aerei, impiegati durante la seconda guerra mondiale, poi sono diventati un hangar, finché non hanno ospitato i set creati per la serie di film di Harry Potter .

    La serie di film di Harry Potter si è girata a Leavesden per oltre dieci anni. Siccome i film sono stati realizzati quando la pubblicazione dei libri era ancora in corso, la produzione ha conservato numerosi set, articoli di scena e costumi che erano stati creati appositamente per i film nel caso in cui si fossero resi necessari più avanti nella serie.

    Una volta finite le riprese di “Harry Potter e i Doni della Morte – Parte 2”, il team del Warner Bros. Studio Tour London -The making of Harry Potter– voleva conservare ed esporre questi articoli, costumi e set  per permettere ai fan di Harry Potter di vivere in prima persona la magia della realizzazione dei film.



    Ecco cosa vi aspetta e suggerimenti per la vostra visita al Warner Bros. Studio Tour London:

    COME ARRIVARE AI WARNER BROS.

    È possibile raggiungere in auto il Warner Bros. Studio Tour LondonLo Studio Tour si trova 32 km a nord-ovest di Londra, a meno di cinque km dalle autostrade M1 e M25 una volta sul posto, avrete il parcheggio è gratuito, ma noi abbiamo scelto di utilizzare i mezzi pubblici.

    Il modo più semplice per arrivare con i mezzi pubblici è prendere il treno dalla stazione di Eauston, direzione Watford Junction, arrivati alla stazione vi aspetterà una navetta diretta all’ingresso degli studio tour . A bordo della navetta proietteranno  un video informativo che vi farà sentire subito ad Hogwarts.

    Il treno costa circa £ 10, la navetta invece costa £ 3 A/R.

    Sull’autobus accettano contanti e carte contactless. Per utilizzare il servizio sono necessari un biglietto o la conferma di una prenotazione per la data del viaggio.

    COSA VI ASPETTA DURANTE LA VISITA AL WARNER BROS. STUDIO TOUR

    Cosa aspettarsi una volta dentro? Magia. Solo pura magia.

    Quando entrerete per la prima volta nel tour, sarete guidati attraverso una serie di stanze, la prima esperienza è quella cinematografica con il cast dei film di Harry Potter e la Sala Grande. 

    LA MAGNIFICA SALA GRANDE

    Il primo set in cui ci siamo imbattuti è stato The Great Hall, La Sala grande. Qui potrete dare una prima occhiata ai dettagli minuziosi  nella realizzazione dei set. Sono rimasta incantata da come fossero stati progettati in modo da sembrare quanto più  realistici possibile.

    La Sala Grande, fa da sfondo ad alcune delle scene più emblematiche dei film, come il Ballo del Ceppo o le battaglie, con il suo soffitto incantato, è uno dei luoghi più indimenticabili del castello.

    CURIOSITÀ BABBANA: Il segna punti delle case è stato visto raramente sullo schermo, ma  gli scenografi sono particolarmente orgogliosi di questo oggetto, che contiene migliaia di perle di vetro.

    CURIOSITÀ BABBANA: il podio del gufo
    utilizzato dal Professor Silente è ricoperto di vero oro e della cera colata durante i vari film.

    STUDIO 1 – I SET PRINCIPALI


    La prima tappa è lo studio 1, qui troverete una serie di set riconoscibili dei film, tra cui la cucina di Weasley

    l’aula di pozioni, la stanza del dormitorio di Grifondoro e, il mio preferito, l’ufficio di Silente.


    CURIOSITÀ BABBANA: L’ufficio di Silente è pieno di libri, la maggior parte di questi sono in realtà elenchi telefonici rilegati in pelle.


    Ci sono anche molte attività interattive, la maggior parte delle quali possono essere provate gratuitamente, tra cui lezioni di incantesimi e esercitazioni con la scopa su uno schermo verde( questa in genere la fanno per vendervi la foto).

    Non dimenticate di fare un selfie nello Specchio di Erised del film Harry Potter e la Pietra Filosofale, per scoprire quali sono i vostri desideri più profondi.

    Successivamente entrerete nella foresta proibita, attenzione deboli di cuore!

    TUTTI A BORDO DELL’HOGWARTS EXPRESS


    Mentre lascerete la foresta, camminerete verso una ricostruzione del binario 9 ¾ dove troverete l’originale Hogwarts Express usato nei film e potrete persino salire a bordo.

    C’è un angolo  per fare la famosa foto, quella  in posa con il carrello per i bagagli mentre scompare attraverso il muro sul binario 9 ¾.

    Nel cortile si può fare un giro sul Knight Bus, meglio conosciuto come il Notte tempo, esplorare il numero 4 di Privet Drive .

    E altri luoghi iconici


    ANIMATRONICS E IL DIPARTIMENTO ARTISTICO


    Ho sempre pensato che la maggior parte degli effetti speciali venissero realizzati in post-produzione, ma sono rimasta sbalordita entrando nel dipartimento di animatronics qui scoprirete cosa veramente.

    Guardate il video informativo con Warwick Davies poiché questo fa luce su ciò che accade in questo reparto e su come le creature passano dallo studio alla realtà.

    FAI RIFORNIMENTO A DIAGON ALLEY

    Diagon Alley si trova in una strada chiamata Cecil Court vicino a Leicester Square a Londra, con librerie indipendenti e negozi di antiquariato. Ma incontrerai il set reale durante il tuo tour in studio.

    Cerca la banca Gringott, il negozio di Olivander e quello di caramelle dei Weasley.

    Sfortunatamente, potete solo vedere le vetrine dei negozi e non potete entrare. Ho letto che dobbiamo visitare gli Harry Potter World a Orlando per fare un giro nei negozi.


    GUARDA HOGWARTS IN TUTTA LA SUA MAGIA

    L’ultima tappa del tour è uno spettacolare modello in scala di Hogwarts. Inizialmente vedrete un modello di cartone più piccolo che di per sé è piuttosto impressionante ma c’è qualcosa di veramente magico quando vi imbatterete nel modello in scala. Riempie l’intera stanza e l’illuminazione gli dona davvero un tocco in più.

    Questo modello è stato utilizzato nei film, ci sono video in giro per la stanza che mostrano come il modello è stato fuso con l’azione dal vivo per dare l’effetto che gli eventi stavano effettivamente accadendo a Hogwarts.

    SUGGERIMENTI PER IL TOUR

    PREZZI

    Adultidai 16 anni in su £47.00
    Bambini dai 5 ai 15 anni devono essere accompagnati da un adulto £38.00
    Famiglie 2 adulti e 2 bambini OPPURE 1 adulto e 3 bambini £150.00

    Prenota  in anticipo – Consiglio vivamente di prenotare un ingresso mattutino se possibile, c’è così tanto da vedere.

    Pranzo al sacco – Il cibo è molto costoso, vi consiglio di portarlo da fuori, durante il tour ci sono diverse aree in cui è possibile mangiare.


    Festeggia nella sala grande – Cercate eventi speciali durante tutto l’anno, comprese le colazioni della domenica e le grandi feste della sala a Natale.

    Burrobirra- Si o no? Personalmente ho trovato la Burrobirra  un po ‘schifosa e troppo dolce. Ha il sapore di puro caramello al burro! Non so perché non abbiano ancora inventato una Burrobirra che contenga effettivamente la birra.

    Guardate tutti i film prima di andare – Renderà l’esperienza molto più interessante e  saprete esattamente cosa state guardando quando camminerete in ogni zona.

    Nel complesso, l’Harry Potter Studio Tour è qualcosa che consiglio vivamente sia ai Potterhead che alle persone che visitano Londra e cercano attività divertenti da fare. È ottimo per famiglie, coppie e persone che viaggiano sole. È davvero un’esperienza indimenticabile!

     
    Detto questo..Giuro solennemente di non avere buone intenzioni 😉

    SIETE STATI AL WARNER BROS. HARRY POTTER STUDIO TOUR LONDON? QUALI ALTRI SUGGERIMENTI AGGIUNGERESTE A QUESTI? – OPPURE – QUAL È IL VOSTRO FILM DI HARRY POTTER PREFERITO? COMMENTATE QUI SOTTO!

  • Ricette

    Biscotti al burro di arachidi con 3 ingredienti


    Non c’è niente di meglio che essere in grado di soddisfare la voglia di dolce in un attimo!
    In meno tempo di quello che serve per preriscaldare il forno, questi biscottini saranno pronti e potrete farli preparare anche ai vostri bambini.

    Se mi seguite su Instagram , è molto probabile che abbiate visto il video di questi semplicissimi  biscotti al burro d’arachidi; un must della cucina americana!

    Per prepararli vi serviranno solo 3 ingredienti un uovo, del burro di arachidi e dello zucchero

    La ricetta di base è della bravissima Sonia Peronaci, ma sperimentando più volte questi deliziosi biscottini ho scoperto che  aggiungendo a  piacimento della vaniglia, un pizzico di sale o una manciata di gocce di cioccolato il risultato sarà altrettanto delizioso.

    Dopo averli preparati una volta, questa semplice ricetta per biscotti al burro di arachidi rimarrà per sempre nella vostra mente e penserete siano i migliori biscotti al burro di arachidi mai assaggiati!

    Ricetta dei Biscotti al burro di arachidi con 3 ingredienti

    260 g burro di arachidi ( io l’ho preparato in casa tostando al forno le arachidi e poi frullandole  con un cucchiaino di olio d’oliva)
    1 uovo
    180 g di zucchero

    Biscotti al burro di arachidi con 3 ingredienti procedimento:

    1. In una ciotola capiente, mettete lo zucchero , il burro di arachidi e l’uovo.
    2.Con una spatola mescolate tutti gli ingredienti in modo da ottenere un composto liscio e omogeneo.
    3.Preparate una teglia foderata con carta da forno.


    4.Modellate delle palline di circa 10 g di peso l’una e disponetele, ben distanziate nella teglia.
    Schiacciate le palline con i rebbi di una forchetta, prima in senso verticale e poi orizzontale in modo da ottenere piccoli quadratini sulla superficie (se il composto dovesse essere troppo appiccicosi, bagnate la forchetta prima di schiacciarlo).
    5.Infornate (forno preriscaldato) a 170°C per 10 minuti.

    N.b inizialmente i biscotti vi sembreranno morbidi ma raffreddandosi diventeranno della giusta consistenza.

    E voi avete una ricetta semplicissima che si prepara solo con 3 ingredienti?

  • Viaggi

    Santorini: l’isola di lava


    A rendere speciale e inconfondibile Santorini è la sua caldera, gloria del presente  e cicatrice del  passato di un’ isola che generò una raffinata civiltà cancellata improvvisamente più di tremila anni fa dall’ esposione del suo vulcano. Imploso su se stesso e sprofondando in mare il vulcano formò l’imponente anfiteatro di roccia che oggi si può ammirare sul versante occidentale dell’ isola. Con le sue scogliere dalle numerose tonalità di rosso e le case colorate sospese sul blu profondo del Mare Egeo, Santorini è conosciuta come una delle isole più belle del mondo, e solo se la vedrete con i vostri occhi potrete comprendere il perchè!
    L’isola di Santorini vi lascerà senza parole per la  bellezza dei suoi scenari, che sembrano quasi creati dal vulcano, per generare meraviglia
    negli occhi di chi li osserva. Dagli scenari vulcanici della caldera, alle sue spiagge di sabbia rossa e nera ai villaggi suggestivi e alle viste mozzafiato dell’ entroterra, Santorini emana il fascino di un’ isola permeata dalla magia della natura, un monumento naturale da inserire nella lista dei posti da vedere almeno una volta nella vita.

     

    COME ARRIVARE A SANTORINI

    Santorini e i suoi scorci da cartolina.

    Sono arrivata in un ora di traghetto Seajet da Koufonissi a Thira /Fira (capitale di Santorini). Ho trovato questi traghetti molto professionali, puntuali e comodi.
    Santorini ha un aeroporto internazionale ed è possibile raggiungerla anche con navi da crociera.

    Qui puoi facilmente noleggiare un veicolo i più utilizzati sono auto, moto e quad. Noi abbiamo noleggiato una fida Panda.

    Gli autobus passano spesso sull’isola, da Fira portano in tutti i punti principali dell’isola; Porto, Oia, Aeroporto, Kamari, Perissa (spiaggia nera) e Akrotiri (spiaggia rossa). L’autobus è un mezzo di trasporto alternativo economico (max 2,40 EUR a tratta).

    LE BELLEZZE DI SANTORINI

    Santorini e i suoi tramonti indimenticabili.

    La Caldera di Santorini è una delle sue bellezze principali. L’esplosione del vulcano  avvenuta a Santorini circa tremila e cinquecento anni fa  ha provocato un’ alterazione topografica del Mediterraneo.

    Aperitivo al tramonto vista Caldera.

    Rocce e scogliere compongono il paesaggio della caldera che si estende per più di trecento metri sopra il livello del mare.

    Il vulcano di Santorini e le altre isole vulcaniche del Mar Egeo fanno parte dell’ arco vulcanico ellenico.
    L’isola infatti è il risultato di una serie di eruzioni , durante le quali le dimensioni e la forma di Santorini sono state cambiate numerose volte. Santorini è nota anche per le quattro isole di lava nera situate al centro del bacino
    della caldera. Queste includono Aspronisi, Nea Kameni, Palea Kameni e Thirassia. Le isole si sono formate in seguito a dodici eruzioni .La maggior parte degli strati vulcanici sono visibili nelle sequenze multicolore delle pareti interne della caldera. Il vulcano di Santorini è conosciuto come Nea Kameni.

    Le sorgenti termali di Santorini si sono formate dall’ eruzione del vulcano. Nea Kameni è circondata da acque calde e molto scure note per le loro proprietà terapeutiche. Le sorgenti sono costituite da manganese, ferro e zolfo.

    COSA FARE A SANTORINI

    Scopri la città di Fira

    La città di Fira o Thera è la capitale di Santorini. Arroccata su un’ imponete scogliera con vista panoramica sul vulcano. Fira ha la classica architettura Cicladica, i monumenti più importanti della città includono il museo archeologico di Santorini con numerosi reperti del Sito Archeologico di Akrotiri, il museo della preistoria di Thera, la chiesa di Hypapante per il suo mosaico.
    Personalmente ho  trovato Fira troppo caotica per questo ci sono stata giusto per un giro e non mi ci sono soffermata molto.

    Cammina tra Fira, Imerovigli e Oia
    Per godere delle viste panoramiche, la cosa migliore da fare è passeggiare tra Fira e Oia o viceversa.


    L’escursione in pratica: Il percorso Fira-Firostefani-Imerovigli-Oia è uno- contrassegnato con il numero nove- dei tredici sentieri escursionistici tracciati sull’ isola , per ogniuo dei quali è disponibile una mappa dettagliata (esistono anche delle app dedicate come Santorini topoguide). Molto panoramico, si snoda su diversi fondi: strada asfaltata, sterrato, acciottolato e altri tipi di pavimentazione; strada facendo troverete cartelli che indicano le distanze.


    Per percorrerlo vi serviranno in media 3/4 ore a seconda della vostra andatura e delle soste fotografiche che farete 🙂 .
    non ci sono difficoltà particolari, (vi raccomando solo scarpe comode e acqua) e una volta arrivati a Oia potrete optare per il bus.

    Tramonto nel Villaggio di Oia 

    Oia vista al tramonto

    Il villaggio di Oia è uno dei borghi più  pittoreschi di Santorini, in pratica tutte le foto che vediamo su Instagram sono state scattate li, Oia è una sorta di luogo di pellegrinaggio per tutti i viaggiatori che approdano sull’ isola.


    Osservare il tramonto da Oia pare sia  una delle attrazioni principali durante i viaggi a Santorini.

    Oia , sulla punta nordoccidentale di Santorini, sullo sfondo si intravede la sagoma dell’ isola di Thirasia.

    Il villaggio di Oia si trova a nord dell’isola di Santorini, a circa 11 km da Fira (Thira).


    Oia è in cima a una scogliera (a circa 150 mt dal livello del mare) da dove si può ammirare tutta la Caldera di Santorini  e  Palia e Nea Kameni e l’isola di Thirasia.
    Il villaggio di Oia( Ia per i Greci) è anche conosciuto come “Apano Meria” e gli abitanti sono chiamati “Apanomeriti” che vuol dire “coloro che vivono in cima”.

    Le rovine di un vecchio castello

    Skaros Rock– il promontorio di Skaros con i ruderi della rocca bizantina del XIII secolo.

    Santorini Skaros Rock : Skaros è un promontorio che si protende verso l’azzurro del Mar Egeo, e si trova di fronte a Imerovigli.
    In passato qui si trovava un maestoso castello che era il luogo principale della congregazione cristiana a Santorini , fino all’inizio del 1800.
    Sfortunatamente, il castello fu completamente distrutto durante un terremoto nel XIX secolo e tutto ciò che rimane oggi sono i resti del castello.
    La leggenda vuole che il castello medievale di Skaros non sia mai stato conquistato durante i suoi lunghi 600 anni di esistenza.


    C’è un sentiero ben delimitato, per raggiungere la cima, che parte dalla famosa chiesa di Agios Georgios.


    I panorami sono mozzafiato e sono letteralmente un piacere per gli occhi, vi consiglio vivamente di non perdervi la vista dall’alto dello Skaros.

    PRODOTTI DA ASSAGGIARE A SANTORINI

    I prodotti locali dell’ Isola includono i deliziosi vini di Santorini, la melanzana bianca e il cappero che troverete praticamente in ogni piatto.

    I pomodori di Santorini sono tra i prodotti più amati dell’ isola e hanno una denominazione D.O.P. qui in un piatto di grigliata di polpo.

    I pomodorini di Santorini sono tra i prodotti più conosciuti dell’ isola e hanno una denominazione D.O.P.

    La fava essiccata viene preparata come un purea, molto simile come consistenza all’hummus. È un piatto semplice ma allo stesso tempo molto nutriente, può essere servito come piatto principale oppure più spesso come contorno.

    Le specialità locali includono le fave di Santorini, con le quali si prepara una zuppa deliziosa.

    La meletinia, una torta farcita con formaggio cremoso di mizithra.

    Tomato Keftedes le caratteristiche frittelle di pomodori dell’isola di Santorini.

    I tomatokeftedes, un piatto a base di polpette di pomodori.

  • Viaggi

    Koufonissi, tra spiagge dorate e acque turchesi: il paradiso del Mare Egeo!

    Uno scorcio di Koufonissi, nell’arcipelago delle Piccole Cicladi.

    Nella miriade di gioielli delle Cicladi, due isole misteriose se ne stanno silenziose nel Mare Egeo. Ano Koufonissi con la sua atmosfera autentica, mista a qualche tocco glamour è un’isola affascinante.
    Conosciuta come il paradiso del Mare Egeo, Koufonissi regala le più belle gradazioni di smeraldi e turchesi! Ano Koufonissi, con i suoi appena quattro chilometri quadrati contrasta con la vicina Kato Koufonissi, abitata solo in estate da alcuni pastori e dai gestori di una taverna.

    Indubbiamente, Koufonissi è un paradiso di estrema bellezza naturale che vanta una posizione unica con spiagge tropicali, sabbia dorata e acque turchesi. Due isole che si intersecano con rocce scolpite dalle onde e la vista selvaggia delle grotte, una bella fuga verso l’ignoto attende i viaggiatori più esigenti per esplorarla. Pronti a conoscere i suoi misteri?

    COME MUOVERSI A KOUFONISSI, GRECIA

    Koufonissi appartiene alle Piccole Cicladi. Sono due piccole isole sprovviste di mezzi pubblici, perchè come piace a me le scopri facilmente a piedi, o in bici! Ano Koufonissi è abitata mentre Kato Koufinissi è disabitata! Koufonissi è sinonimo di camminata o pedalata.

    Tutta la vita dell’isola si svolge nella Chora, capitale e porto di Ano Koufonissi. Chora è un vero esemplare di architettura Cicladica, con le deliziose case imbiancate a calce e le finestre colorate per lo più nei toni del blu,

    mulini a vento in pietra e cupole azzurre, vicoli labirintici e cortili fioriti. Poiché è l’unico insediamento delle isole, è considerata l’isola più densamente popolata delle Cicladi, dei 366 abitanti, 110 sono bambini o giovani, un rapporto unico in Europa.

    BELLEZZE NATURALI DI KOUFONISSI, GRECIA

    L’occhio del Diavolo.

    L’occhio del diavolo è un foro situato all’ interno della grotta che comunica con il mare. Quando c’è corrente,l’acqua del mare sale fino al bordo del foro per poi venire risucchiata di nuovo . E’ uno spettacolo impressionate. Lo troverete tra le bellissime spiagge di Platia Pounda e Pori.

    Il Gala è una strata formazione geologica di una minuscola spiaggia penetrata sotto un’enorme roccia. Il suo nome deriva dal candore dei colori della roccia e della sabbia, (gala in greco vuol dire latte).Gala è accessibile da un sentiero che parte dalla fine della spiaggia di Pori.

    La Pisina(Piscina) è una piccola piscina naturale situata sul bordo di una scogliera a picco sul mare. E’ un bel posticino con strane formazioni geologiche (mi raccomando le scarpe). Pisina si trova tra le spiagge di Platia Pounda e Pori, poco dopo l’occhio del diavolo.

    COSA FARE A KOUFONISSI, GRECIA

    A causa delle sue piccole dimensioni, le attività a Koufonissi sono limitate principalmente al nuoto e alle passeggiate. Le spiagge di Koufonissi non sono attrezzate e offrono la possibilità di totale privacy (specialmente a Kato Koufonisi), molte sono spiagge naturiste.

    Snorkeling
    La primissima cosa da fare è di sicuro immegersi nelle acque blu di Koufinissi, che con le sue gradazioni di colori sono ideali per lo snorkeling.

    Bicicletta


    Koufonissi è il luogo ideale per gli amanti delle bici. Ci sono diversi punti in cui è possibile noleggiare una bicicletta(anche alcuni hotel le mettono a disposizione degli ospiti) per andare alla scoperta delle bellezze naturali dell’ isola.

    Campeggio A Kato Koufonissi

    Siete amanti della natura? Allora Kato Koufonissi fa per voi!L’ isola deserta è la meta ideale per i campeggiatori liberi!

    Kato Koufonissi è la sorella di Ano Koufonissi, ma a differenza di quest’ultima , non è abitata, mantenendo così il suo fascino naturale incontaminato. Incontaminata dal turismo di massa, Kato Koufonissi vanta spiagge meravigliose, come Hawaii, Nero e Laki, oltre a una piccola taverna.


    Ogni estate, i viaggiatori arrivano a Kato Koufonissi per nuotare nelle acque e campeggiare sotto le stelle.

    Kato Koufonissi è raggiungibile in barca da Ano Koufonissi. Questa barca parte da Ano Koufonisi ogni ora e fa due fermate: una presso l’insediamento di Panagia e una sulla spiaggia di Nero,andata e ritorno costa 5 euro.

    Escursionismo

    Ano Koufonissi ospita diversi sentieri ideali per gli amanti delle escursioni. Uno dei più belli include proprio il giro dell’ isola, seguendo la costa.

    Cibo Locale

    Una volta sull’isola non perdetevi assolutamente le delizie di Souvlaki Sti Strofi, con meno di dieci tavoli posizionati lungo una strada della Chora ed una finestrella da cui ordinare e ritirare un’ ottima pita, souvlaki ed altro  cibo da strada è un posto che vi consiglio vivamente di provare, noi abbiamo cenato sempre qui 😉

  • Viaggi

    Schinoussa, l’isola Greca lontana dalla folla.

    Sono appena dieci i minuti di traghetto che separano Iraklia da Mersini, il porto di Schinoussa.

    La sensazione di calma che si respira l’ ho vissuta come un’ esperienza quasi mistica. Schinoussa ha un’ energia speciale che vi permetterà di apprezzare le cose semplici della vita.

    Scorci della costa sudoccidentale, frastagliata da cale e insenature: sullo sfondo le alture dell’ isolotto disabitato di Fidoussa, che dista solo poche bracciate, ma non si può visitare a causa di una security ferrea voluta dagli armatori che hanno acquistato intere parti di costa.

    A Schinoussa ho trovato la pace per la mia mente, più che in ogni altra isola e la semplicità e gentilezza della gente del posto mi hanno fatto sentire subito come a casa. Vi va di scoprire la bellezza di questa isola che secondo Forbes è una delle sei destinazioni che si dovrebbero visitare in Grecia?
    Con le cime delle sue colline che offrono viste panoramiche su Amorgos, Ios, Iraklia, Keros, Koufonisia, Naxos, Santorini e Sefiros.
    La sua costa frastagliata ricca di blu dalla quale fissare l’infinito dona un senso di pura libertà a Schinoussa non  manca davvero nulla.

    Aria fresca, gente ospitale, splendidi scenari e una sensazione di serenità; Avete bisogno d’altro?

    Come raggiungere Schinoussa, Grecia.

    I nostri biglietti per l’Express Skopelitis.

    L’isola è raggiungibile solo tramite traghetto dai porti del Pireo e Rafina, con un viaggio dalla durata variabile, da quattro a otto ore , per tutte le info Blue Start Ferries. Schinoussa è collegata anche alle isole di Donusa, Iraklia, Koufonisia e Naxos, tramite l’ Express Skopelitis.

    Come muoversi a Schinoussa, Grecia

    Camminare sull’ isola di Scinoussa è uno dei modi per spostarsi, e va bene, questa volta ho una buona notizia per chi non ama particolarmente camminare 🙂 nonostante l’ isola sia molto piccola è possibile noleggiare un motorino o un quad ma vi dico che gli armatori hanno costruito una breve strada asfaltata -l’unica- che dal porto arriva alla Chora, il centro principale.

    Cose da fare a Schinoussa, Grecia

    Passeggiando per le strade di Panagia.

    Le spiagge di Schinoussa, Grecia

    La bellissima spiaggia di Psili Ammos.

    Schinoussa gode di un’ampia scelta di spiagge sabbiose, tutte raggiungibili a piedi. In totale ci sono circa una ventina di spiagge, nonostante l’isola sia davvero piccola. Le più belle per  me sono: Psili Amos, Tsigouri, Fikio, Aligaria, Lioliou e Almiros. La maggior parte di queste spiagge offre ombra grazie alla presenza degli alberi.

    La prima spiaggia che vedrete all’arrivo con il traghetto è la spiaggia vicino al porto di Mersini,  una piccola spiaggia sabbiosa con alberi di tamerici che offrono un po’d’ombra.

    Spiaggia di Tsigouri all’imbrunire.

    Spiaggia di Tsigouri – La spiaggia più vicina a Chora è la spiaggia di Tsigouri. Dovete andare a destra da dove inizia il villaggio e troverete le indicazioni per la spiaggia, arriverete con una passeggiata che dura circa 10 minuti. È una bella spiaggia sabbiosa, con un ristorante nelle vicinanze e alcuni alloggi, mi è piaciuta di sera.

    Spiaggia di Livadi – Più a sud c’è una spiaggia chiamata Livadi. È possibile raggiungere questa spiaggia dopo una passeggiata di 15 minuti. È una spiaggia sabbiosa con promontori su entrambi i lati che la proteggono dai venti. Anche qui troverete un po’di ombra sotto gli alberi.

    Spiaggia di Aligaria – La spiaggia successiva a sud è Aligaria, che in realtà consiste di tre piccole insenature di sabbia. Bisogna camminare per circa 30 minuti per raggiungere le spiagge di Aligaria.

    Vista dall’alto di Paralia Fikio, una delle spiaggie più belle di Schinoussa.

    Spiaggia di Lioliou e Bazeou – A sud-est in una piccola baia si trova la spiaggia di Lioliou e qualche centinaio di metri a nord della spiaggia di Bazeou. Si compone di due piccole calette per lo più con sabbia.

    La spiaggia di Psili Ammos– Una spiaggia sabbiosa con acque turchesi sul lato nord-est. E’una spiaggia appartata ideale per chi cerca tranquillità. Gli alberi forniscono una piacevole ombra naturale per i vostri pisolini 😉 Per raggiungere la spiaggia dovrete dirigervi a nord verso il piccolo villaggio di Messaria. Lì troverete un cartello. La spiaggia dista 30/40 minuti a piedi da Chora . Lungo la strada ci sono un paio di taverne. Nella stessa Messaria c’è anche un’osteria. Sulla spiaggia di Psili Amos non ci sono servizi, quindi è necessario portare la propria riserva d’acqua, e non dimenticate la crema solare. C’è anche una piccola spiaggia chiamata Fikio a nord del villaggio di Messaria che mi è piaciuta tanto.

    I villaggi di Schinoussa, Grecia

    Dettagli per le strade di Panagia, Chora di Schinoussa.

    L’insediamento di Panagia, noto come Chora, è il cuore di Schinoussa, situata nella parte centrale dell’ isola.

    Tutta la vita qui è concentrata in poco più di 500 metri: l’insediamento tradizionale ha l’ architettura tipica delle Cicladi con case imbiancate a calce e i vicoletti stretti. Chora è difficile da vedere dal mare, poichè è stata costruita in una zona ben protetta dalle invasioni dei pirati in tempi passati.

    La maestosa chiesa di Panagia Akathi.

    Il monumento più importante del villaggio è l’imponente chiesa di Panagia Akathi. Il villaggio offre una vista panoramica sulle isole circostanti e numerosi sentieri per raggiungere a piedi ogni spiaggia di Schinoussa.

    Fotografare dettagli in giro per la Grecia, il mio passatempo preferito.

    Mersini, altrimenti noto come Messeria, è il porto naturale di Schinoussa situato a ovest. Le case dell’ insediamento conservano il loro stile tradizionale. Mersini è nota per le sie deliziose taverne di pesce.

    Panagia, Schinoussa.

    Attività da fare a Schinoussa, Grecia

    Beach Volley : Gli amanti degli sport di spiaggia possono praticareil Beach Volley sulla spiaggia di Tsigouri.

    Immersioni: Le isole circostanti di Argilos, Ofidousa e Klidoura sono state dichiarate aree di grande bellezza naturale e le esplorazioni subaque qui sono un must.

    Escursionismo: L’entroterra di Schinoussa riserva milioni di sorprese. L’opportunità di scoprire questa’ isola a piedi è una bella esperienza. Da Mersini, potete seguire un bellissimo sentiero escursionistico intorno all’isola che dura due ore.

    Vela e Yacht: L’isola è il punto di partenza ideale per le escursioni delle Piccole Cicladi .

    Pesca subaquea: Le acque cristalline e ricche di vita di Schinoussa sono la meta ideale per gli appasionati di pesca subaquea. Le zone migliori per questa attivita sono le spiagge di Avlaki tou Papa, Fikio, Gerolimnionas, Kambos e Sifneikos.

    Winsurf :La spiaggia di Almyros, grazie al vento e alle sue onde è la meta perfetta per gli amanti del windsurf.

     Assaggia i Prodotti locali di Schinoussa

    Fava di Schinoussa.
    Foto di Cooking Nutricion -Flickr-

    La fava di Schinoussa è di sicuro un vanto per quest’isola, i legumi in realtà non sono fave ma dei piselli gialli spezzati, preparati prima tipo vellutata e poi conditi con cipolla , capperi e olio a crudo, i proprietari della casa che ci ha ospitatati, ci hanno omaggiato di una confezione di questa bontà.

    Altre delizie  locali includono i formaggi: come il ladotiri, il kopanisti e lo xinomizithra.

     Il rakomelo la bevanda a base di vino e raki.

    La meletinia, una torta di formaggio e la xerotigana al miele.

    Sull’ isola ovviamente troverete diverse locande che cucinano pesce freschissimo.

  • Viaggi

    Iraklia,tra spiagge e mulattiere.

    Insieme a Koufonisia, Schinoussa , Donoussa e la disabitata Keros, Iraklia, fa parte del gruppo di isole chiamate Piccole Cicladi.

    Nonostante la vicinanza a Naxos, che è a meno di un’ora di traghetto, Iraklia è tranquilla, riservata e con un atmosfera rallentata, come fuori dal tempo: un’ottima destinazione per chi ha voglia di allontanarsi da tutto.

    Una piccola isola con meno di 100 abitanti, che vivono tra il villaggio di Agios Georgios proprio sul porto, e la Chora, nota anche come Panagia. Iraklia non ha molto da offrire , è ciò che ho letto più volte prima di andare, io direi non ha molto da offrire  a parte un mare pazzesco, diversi sentieri per il trekking, e la possibità di stare a contatto con la natura e un senso di libertà che la rendono ai miei occhi un posto veramente affascinante, se come me amate posti simili allora continuate a leggere questo articolo sull’isola di Iraklia ,una passeggiata tra spiagge e mulattiere.

    COME RAGGIUNGERE L’ISOLA DI IRAKLIA, GRECIA.

    L’isola è accessibile solo in traghetto. Ci sono traghetti per Iraklia dal porto del Pireo ad Atene, e lo storico Express Skopelitis dalle altre isole del Mar Egeo.

    COME MUOVERSI A IRAKLIA, GRECIA.

    Camminare sull’ isola di Iraklia è uno dei modi per spostarsi, poiché i veicoli qui sono davvero pochissimi e non ci sono autonoleggi.

    C’è un autobus locale che fa il percorso dal porto alla spiaggia di Tourkopidago, passando per il villaggio principale.

    Iraklia ha due villaggi: Panagia, che si trova nel centro dell’isola e Agios Georgios, vicinissimo al  porto. Entrambi i villaggi vantano un’architettura tradizionale, con case bianche e finestre azzurre, ma tra i due è Agios Georgios il villaggio più sviluppato in termini di turismo. Ad Agios Georgios troverete due i market dell’isola di Iraklia e due taverne di pesce.

    Se arrivate ad Iraklia da un’altra isola vicina il mio consiglio è quello di fare scorta di cibo, perché i market hanno dei prezzi abbastanza alti (una bottiglia d’ acqua ad esempio costa 1 euro) .

    C’è un’unica strada asfaltata, lunga otto chilometri, che tocca il villaggio di Panagia, quasi disabitato (ma con una bakery che fa un pane buonissimo), e termina alla spiaggia di Tourkopigado, una piscina naturale chiusa tra le rocce.

    DOVE DORMIRE A IRAKLIA, GRECIA.

    Gli hotel di Iraklia invece sono concentrati quasi tutti tra il porto e in alcune spiagge vicine a quest’ ultimo. Un’opzione popolare per l’alloggio a Iraklia è il campeggio gratuito, grazie al bellissimo paesaggio naturale dell’isola.

    COSA FARE A IRAKLIA, GRECIA.

    LE SPIAGGE DI IRAKLIA

    Le spiagge di Iraklia, sono meravigliose, grandi e non attrezzate:

    La spiaggia di Livadi, si apre sulla costa orientale dell’isola, la più protetta dal vento: lunga e sempre tranquilla, si raggiunge con 15 minuti di passeggiata dal porto, e se siete fortunati potrete nuotare insieme alle tartarughe;

    La spiaggia di Agios Georgios è una spiaggia sabbiosa con acque limpide situata sul lato nord-est dell’isola, vicino al porto, ma nonostante ciò vanta acque davvero cristalline.

    Lungo la costa dell’isola troverete molte spiagge incontaminate. La maggior parte delle spiagge di Iraklia è facilmente raggiungibile a piedi, mentre altre possono essere raggiunte attraverso sentieri di trekking, che è una delle attività più popolari da fare a Iraklia.

    ESCURSIONI AD IRAKLIA, GRECIA.

    Iraklia ha otto sentieri escursionistici, popolari tra gli amanti della natura. Come nella maggior parte delle altre Cicladi, il paesaggio di Iraklia è selvaggio e arido, richissimo di cespugli di origano.

    L’isola ha scogliere tutt’intorno e ci sono diversi punti panoramici da cui è possibile vedere 19 delle isole vicine (la localizzazione delle foto del mio cellulare è davvero impazzita qui). Il punto più alto dell’isola si chiama Papas, e si trova a 420 metri, anche sei stato a Santorini, la vista da Papas rimarrà  nella tua mente per sempre.

    Alcune delle migliori escursioni a Iraklia sono i sentieri che portano a Profitis Ilias e a Merichas, dove è possibile raggiungere uno dei punti più pittoreschi dell’isola.

    Grotta di San Giovanni

    La grotta di San Giovanni è speciale per le sue formazioni di stalattiti e stalagmiti. Si trova sul lato meridionale dell’isola ed è raggiungibile a piedi dal villaggio di Panagia, seguendo un percorso di trekking che dura circa un’ora e mezza. La grotta è aperta alle persone che la visitano, ma non ci sono strutture di nessun tipo nelle vicinanze, quindi ricordate di portare con voi tutto l’occorrente; l’ingresso alla grotta è piuttosto piccolo, ma una volta dentro non crederete alle sue dimensioni.

    Portate una torcia, e i cellulari completamente carichi: sono sicura che non vorrete assolutamente rimanere senza luce al suo interno!

    La grotta di Agios Ioannis è stata scoperta per caso da un pastore che cercava riparo dalla pioggia alla fine del XIX secolo. Secondo la tradizione, nella grotta è stata ritrovata l’icona di San Giovanni, da cui ha preso il nome.

    Ogni anno, il 28 agosto, vigilia dell’onomastico del Santo, nella grotta si svolge un’importante cerimonia religiosa e centinaia di persone vi rendono parte con canti e candele.

    Iraklia è un’isola adatta a chi è alla ricerca di relax puro, le uniche attività a cui potrete dedicarvi oltre alle camminate e al mare, sono la contemplazione della natura e la pace dei sensi 😉 che ne dite vi ho messo un po’ di voglia di andarci?

  • Viaggi

    Guida di viaggio a Naxos, Grecia

    Guida di viaggio a Naxos, Grecia

    Naxos, Chora

    Naxos è la più grande isola delle Cicladi. È una destinazione turistica relativamente sconosciuta rispetto alle vicine isole di Mykonos o Santorini, ma mi è piaciuta davvero molto, e son felice di averla scelta come seconda tappa del nostro island hopping delle isole Cicladi in  Grecia.

    L’ho trovata così autentica, ho scoperto chi ha panorami davvero suggestivi e maestosi, ragion per cui vanta il titolo di “isola più verde delle Cicladi”, con le sue bellissime spiagge, villaggi incantevoli, castelli veneziani, templi, chiese, una bella Chora, negozi vivaci e tantissimi ristorantini, quest’ isola ha qualcosa da offrire a tutti!

    Come raggiungere Naxos, Grecia

    Naxos può essere raggiunta sia in traghetto che in aereo. Se volate dalla Grecia stessa all’aeroporto internazionale di Atene, potete prendere un volo diretto per Naxos con Aegean Airlines, Olympic Airlines o Sky Express. Questi aerei sono molto piccoli, quindi vi consiglio di prenotare un posto in anticipo. Il tempo di volo per Naxos da Atene in aereo è di circa un’ora. I traghetti per Naxos partono ogni giorno dal Pireo e dal porto di Rafina ad Atene. A seconda delle dimensioni del traghetto e del percorso, il viaggio dura dalle 4 alle 6 ore. Infine, potete arrivare a Naxos volando verso una delle isole vicine ad esempio Paros, Santorini o Mykonos e poi prendendo un traghetto per Naxos.

    Muoversi a Naxos, Grecia

    Poiché Naxos è l’isola più grande delle Cicladi, un’auto è la soluzione migliore per esplorarla. Ci sono diverse compagnie di autonoleggio sull’isola. Ci sono anche autobus pubblici che arrivano alle principali spiagge e villaggi di Naxos, ma se volete esplorare l’isola fuori dai classici  luoghi turistici, allora un’auto rimane la scelta migliore, anche perché sarebbe scomodissimo arrivare ai villaggi di montagna in motorino o in quad.

    Dove dormire a Naxos, Grecia

    Chora, conosciuta anche come la capitale dell’isola, è il posto migliore dove soggiornare a Naxos, almeno così credevamo quando abbiamo prenotato il nostro alloggio, ci sono molti caffè e ristoranti, strade di collegamento con villaggi di montagna, bellissime spiagge raggiungibili a piedi e altro ancora. Tenete presente che questa è la zona più popolare dell’isola, ma nel momento della prenotazione la nostra host(tra l’altro gentilissima), per fortuna, ci ha consigliato di alloggiare nella sua struttura vicino alla spiaggia di Agios Prokopios , se preferite qualcosa di un po’ più lontano dalla folla, potete anche prenotare un hotel vicino alla spiaggia di Agia Anna, alla spiaggia di Plaka o alla spiaggia di Aliko, sono tutti ottimi posti.

    Cose da fare a Naxos, Grecia

    Le spiagge di Naxos, Grecia

    Le migliori spiagge di Naxos si trovano tutte lungo il lato ovest dell’isola. Immaginate lunghe spiagge sabbiose, acque turchesi e rilassanti bar e taverne sulla spiaggia lungo la costa.

    A soli 2 km a sud della Chora si trova la prima spiaggia chiamata Agios Georgios. Proseguite lungo la strada e incontrerete la spiaggia di Agios Prokopios seguita dalle spiagge di Agia Anna, forse le spiagge più famose di Naxos, piene di tante belle taverne e bar sulla spiaggia.

    Queste spiagge tendono anche ad essere le più affollate durante la stagione estiva (anche se quest’ anno lettini e ombrelloni erano sistemanti rispettando il distanziamento sociale). Più in basso lungo la costa si trova la spiaggia di Plaka, una lunga spiaggia di sabbia bianca caratterizzata da dune.

    Peri veri avventurieri, Mikri Vigla Beach, Hawaii Beach e Aliko Beach sono le spiagge più appartate, tranquille ed esotiche dell’isola di Naxos. Mikri Vigla Beach è per i windsurfisti e gli appassionati di sport estremi, mentre Hawaii Beach e Aliko Beach sono spiagge perfette per picnic, per giocare a racchettoni o semplicemente godersi un buon libro lontano dalle spiagge più affollate.

    La maggior parte queste spiagge sono ancora incontaminate. Sia che voi preferite spiagge appartate lontano dalla calca o bar sulla spiaggia in cui fare aperitivi e festa, Naxos ha l’imbarazzo della scelta!

    Visita i villaggi di Naxos, Grecia

    Apeiranthos è il più grande villaggio di montagna di Naxos, si trova nel centro dell’isola. Conosciuto anche come il villaggio di marmo.

    Apeiranthos è pieno di case di marmo, piazze e affascinanti taverne e caffè.

    Se vi piace visitare i musei, Apeiranthos ne ha cinque tra cui scegliere: il museo geologico, il museo archeologico, il museo del folclore, il museo di storia naturale e il museo delle arti visive, anche se la cosa più bella da fare qui, secondo me, è perdersi tra le stradine e il sali scendi del villaggio stesso.

    Filoti, con tutti i suoi caffè, e le viste sulle montagne, non mi ha per nulla entusiasmata a dire il vero. Filoti è nota per i suoi uliveti, le chiese bizantine, per la qualità di carne di agnello e per i formaggi.

    Apollonas è un tranquillo e piccolissimo villaggio di pescatori sulla costa nord-orientale di Naxos. Ci sono hotel, taverne, negozi, ristoranti e caffè lungo la spiaggia, ed è nota per il suo pesce fresco.

    Apollonas era il porto principale per l’esportazione del marmo a Naxos. Troverete pittoreschi edifici imbiancati con un aspetto genuinamente greco.

    C’è una statua di Kouros appena fuori l’ingresso del villaggio che risale al VI secolo a.C.

    Esplora la città di Naxos, Grecia

    Passeggiate per le affascinanti strade di Chora, conosciuta anche come Città di Naxos per scoprire caffè e bar nascosti, per acquistare souvenir o semplicemente per fare un pò si scatti, ci sono angoli davvero davvero perfetti.

    Perdetevi ad esplorare i labirinti Chora, fate amicizia con i gatti lungo la strada e scoprite quanto è bella e unica nel suo genere la capitale di Naxos!

    Visita monumenti storici di Naxos, Grecia

    Portara , un tempo era l’ingresso al tempio di Apollo del 530 a.C. Questa grande porta in marmo è l’emblema dell’isola e il punto di riferimento per i locali. Per raggiungere Portara si segue il sentiero per l’isolotto di Palatia.

    Per assistere a un tramonto mozzafiato da Portara, assicuratevi di arrivarci almeno mezz’ora prima che il sole tramonti per assicurarvi un posto poiché è piuttosto affollato.

    Il Castello di Naxos si trova in cima alla Chora, formando un muro lungo la parte vecchia della città. Entrate nel castello da una delle tre porte principali, per esplorare gli stretti vicoli che portano in cima. Questo castello veneziano è forse uno degli insediamenti medievali fortificati meglio conservati della Grecia ed è un must quando si visita Naxos. Trovate la  strada che pi vi piace per raggiungere il castello, magari al tramonto per una splendida vista del sole che sparisce dietro Portara.

    Le statue di Kouros si trovano nel villaggio di Melanes. Queste statue antiche sono lunghe 6 metri e risalgono al 7 ° secolo. Gli archeologi ritengono che queste statue furono abbandonate a causa di difetti nella del marmo.

    Tempio di Demetra, purtroppo il GPS è stato imprevedibile durante gran parte di questo itinerario e non siamo riusciti a vederlo. Suggerirei di cercare il percorso prima e di inviarvi una copia  via email per l’utilizzo offline.

    Visita un’altra isola 

    Se state a Naxos più giorni ci sono diverse barche che fanno tour privati o traghetti  e potreste approfittarne per fare un giro di un giorno verso isole più o meno vicine; le opzioni includono : Paros, Koufonisia, Santorini e Mykonos . 

    Fatemi sapere nei commenti se siete stati a Naxos e se vi è piaciuta, in caso contrario quale isola greca vi è piaciuta di più o il posto in cui non riuscivate a smettere di fare foto proprio come me qui 😉